Longevità

L’aumento della speranza di vita e l’esigenza di comprendere i cambiamenti correlati all’età stanno alimentando ampi studi sugli anziani, sulla loro esperienza di vita, sul loro benessere, sia nella condizioni di invecchiamento “normale”, sia in quelle caratterizzate da processi patologici.

esercizi-per-migliorare-la-memoria

L’invecchiamento, come ogni altro aspetto della vita umana, non è soltanto un processo individuale, ma riguarda l’intera società nel suo insieme. Non tutti invecchiano allo stesso modo, in virtù della complessa interazioni tra fattori genetici, contestuali, relazionali e intrapersonali. Per promuovere il benessere nelle fasi successive a quella adulta è quindi indispensabili tenere in considerazione cornici ampie, meno focalizzate di approcci interessati solo al corpo o ai processi degenerativi.

Risultano centrali occasioni, come la Danzaterapiain cui possano coniugarsi un’attivazione corporea consapevole al piacere del movimento e del gioco in un contesto relazionale percepito come accogliente e non giudicante, tale da contrastare dinamiche di isolamento e riduzione della funzionalità. Ugualmente è possibile svolgere anche training su aspetti specifici del funzionamento cognitivo, sollecitando una ristrutturazione delle risorse mnestiche, attentive e linguistiche a partire da stimoli divertenti e in un contesto di gruppo.

Tradizionalmente l’invecchiamento è, a torto, considerato una fase di perdita, in cui le capacità possedute nell’età adulta sono inesorabilmente destinate a perdersi, mentre è possibile, con la corretta informazioni e adeguati stimoli, anche motivazionali, affrontare le fasi successive a quella adulta senza il timore di compromissioni funzionali, ma conoscendo meglio sé stessi e le proprie capacità.

images (1)

Annunci