Eventi sconvolgenti e emozioni dei più piccoli; alcune indicazioni per gli adulti

Des objets déposés par les passants à un mémorial de la place de la République, à Paris.

Photo Patrick Kovarik. AFP

Di fronte agli episodi di Parigi e alla tensione che è tornata, forte, ad attraversare il nostro quotidiano possono manifestarsi le difficoltà degli adulti a trattare questi temi con i più piccoli o con gli adolescenti. In un mondo globalizzato e in un cui i bambini hanno accesso a social network, internet e apparecchi televisivi, non è possibile immaginare di nascondere loro queste notizie, ritenute magari troppo allarmanti. D’altronde, anche qualora si cercasse di celare questi episodi, i giovani ne percepirebbero l’impatto nei gesti dei loro genitori, dei loro educatori, dei loro amici.

Saper accogliere i vissuti di chi sta crescendo a fronte di notizie tanto sconvolgenti diventa quindi essenziale per prevenire disagi e promuovere benessere.

Proprio nell’ottica di incrementare il benessere della comunità, si è deciso di cambiare il tema del prossimo appuntamento gratuito XY, dando spazio a un incontro rivolto a genitori e insegnanti dedicato a come gestire le emozioni dei più piccoli dopo un evento grave e sconvolgente.

Abbiamo cercato quindi di raccogliere indicazioni, di carattere generale e che andrebbero adattate, ad esempio rispetto all’età, rimandando però all’incontro di venerdì 27 novembre alle ore 18,00 per maggiore dettagli e informazioni o a un colloquio per cui è possibile contattarmi.

Non negare o tentare di nascondere una notizia grave e di grande portata.

I ragazzi, oltre ad avere ormai accesso a molteplici canali di informazione, intuiscono che qualcosa è capitato per i cambiamenti che, per quanto tentiamo di controllarci, ugualmente mostreremo nella relazione con loro. Mentire o nascondere la realtà inoltre non produrrà altro che un senso di minore fiducia nella figura genitoriale o educativa del ragazzo quando questo sarà messo al corrente della verità.

Non delegare la gestione dell’impatto emotivo di una notizia sconvolgente.

presi dalla propria ansia e dal timore, è possibile che le figure adulte facciano un passo indietro e lascino quanti sono ancora nelle fasi di sviluppo, non solo fisico, ma anche emotivo e cognitivo, a tentare di padroneggiare le proprie emozioni derivanti dall’impatto di una notizia inattesa e spaventosa.

Dare spazi di parola, di discussione, di disegno aiuterà il bambino o l’adolescente a esprimersi, a comunicare l’incomunicabile al genitore o agli insegnanti se questi saranno stati in grado di costruire per questi vissuti un ambiente, uno spazio fisico, emotivo, relazionale accogliente e dedicato.

Promuovere capacità di riflessione e di metacognizione.

Oltre a saper gestire le proprie emozioni, senza lasciare che la paura inneschi processi di terrore e le loro conseguenze che ci allontanano dalla moderazione, è necessario che le figure adulte si impegnino per attivare nei più piccoli e negli adolescenti percorsi di riflessione che mettano in evidenza l’eccezionalità di questi eventi drammatici, contenendo quindi l’ansia che ne deriva e sottolineando la maggioranza di dinamiche positive che, malgrado tutto, continuerà ad esserci.

Non bisogna negare l’ansia o la paura, solo riconoscendole sarà possibile inserirle in un contesto di vita positivo e in cui tutti potranno proseguire i percorsi di sviluppo, vivendo normalmente e rispettando gli altri. Queste brevi e generali indicazioni non costituiscono che spunti rispetto a quanto ciascuna figura educativa può sviluppare con un singolo o un gruppo di giovani a seconda della loro età, del tempo che trascorre con loro, del loro legame affettivo o di parentela. Non è possibile descrivere ogni azione, ne individuare a priori una serie di proposte preconfenzionate.

L’invito è a partecipare all’incontro gratuito di XY del 27 novembre 2015 alle ore 18,00 ad Aprilia per sviluppare questi brevi stimoli o, in alternativa, contattarmi per un colloquio o un confronto.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...